Prenota
ora
 
  • Faq

    Le nostre risposte alle tue domande

    Hai ancora qualche dubbio? Qualche domanda a cui non hai trovato risposta tra le pagine del nostro sito? Questa raccolta può fare al caso tuo.

Quale è il periodo di apertura del rifugio?

Indicativamente il nostro rifugio è aperto dal 20 giugno al 20 settembre, si consiglia di verificare l’esatto periodo di apertura consultando le news pubblicate sulla home page del nostro sito.

Il rifugio è dotato di un bivacco invernale?

Sì, il rifugio ha un bivacco invernale con 6 posti letto; all’interno non si trovano nè coperte nè materassi, in più non ci sono fonti di riscaldamento, energia elettrica e acqua. 
Il bivacco invernale è disponibile solamente durante i mesi di chiusura del rifugio.

Per pernottare è necessaria la prenotazione?

Sì, è obbligatoria la prenotazione.

Le stanze hanno i bagni privati?

No, tutti i bagni sono in comune.

Come sono i letti delle stanze?

Tranne qualche rara eccezione, i letti sono tutti a castello.

Le stanze sono dotate di spine elettriche?

No. Adiacente al banco bar è possibile, in orario di funzionamento dei generatori di corrente, caricare le proprie apparecchiature elettroniche (telefoni cellulari, fotocamere, ecc.). Locale non sorvegliato.

È possibile portare in stanza il proprio zaino?

Sì.

Si riceve una chiave per chiudere la stanza?

No, le stanze non sono dotate di chiavi; si consiglia quindi di non lasciare all’interno delle stesse oggetti di valore.

È possibile fare la doccia?

Sì, per chi pernotta sono disponibili 2 docce. Per avere l’acqua calda bisogna acquistare un apposito gettone.

Sono a disposizione asciugacapelli?

No.

È necessario portare le proprie ciabatte?

Sì.

È presente un locale dedicato all'asciugatura della propria biancheria?

Sì. Locale non sorvegliato.

Il rifugio è riscaldato?

Il rifugio non è dotato di un impianto di riscaldamento nella sua totalità.
Gli unici ambienti riscaldati sono la sala bar/ristorante, con l’ausilio di 2 stufe a legna e ventilconvettori, e le docce, dotate di termoarredi.

Nel rifugio i cellulari hanno campo?

No. Solo in alcuni punti all’esterno del rifugio si riesce ad avere campo (si fa presente che la qualità del segnale varia molto da operatore a operatore).

Il rifugio è dotato di una rete Wi-Fi propria?

No. Siamo però collegati alla rete provinciale TrentinoWiFi; è necessaria la registrazione al servizio, il segnale è solo all'esterno del rifugio (si fa presente che la linea può essere disturbata in caso di maltempo).

Cosa significa l’abbreviazione “BB”?

“BB” sta a significare che il trattamento prevede solamente la prima colazione.

Cosa significa l’abbreviazione “HB”?

“HB” sta a significare che il trattamento prevede la mezza pensione, ossia la cena e la prima colazione.

Cosa include la cena prevista nella formula di mezza pensione?

Essa include un primo piatto e un secondo piatto con contorno, a scelta dal nostro menù dedicato, oltre a un dolce di nostra selezione o a un caffè espresso. Durante la cena tutte le bevande come eventuali consumazioni extra (ad esempio, un contorno aggiuntivo) non sono incluse nel prezzo a forfait.

A cena è possibile mangiare à la carte?

Sì.

Cosa include la colazione?

La colazione prevede sia pietanze dolci che salate ed include una bevanda a scelta tra latte, caffelatte, caffè americano o thè.

C'è la possibilità di acquistare un pranzo al sacco?

Sì. Per motivi organizzativi chiediamo che ne venga fatta richiesta la sera, il pranzo al sacco viene poi ritirato la mattina seguente.

Cosa include il pranzo al sacco?

Il suo contenuto viene concordato al momento dell'ordine.

Sono disponibili cibi senza glutine?

Sì, serviamo pietanze senza glutine (utilizzando anche prodotti confezionati) specificando che non abbiamo una cucina dedicata per la loro preparazione. Se si desidera portare con sé qualcosa da casa da consumare in rifugio, non c'è alcun problema da parte nostra.

Sono servite anche pietanze vegetariane e vegane?

Sì, nel nostro menù sono presenti anche piatti vegetariani e vegani.

È necessario prenotare per il pranzo o per una merenda?

No, non è richiesta la prenotazione.

Nei pressi del rifugio ci sono sorgenti di acqua?

No.

È possibile pagare sia in contanti che con carte elettroniche?

Sì, sono accettati pagamenti sia in contanti che con carte elettroniche (salvo problemi di collegamento).

Sono previsti sconti per soci CAI/SAT/DAV/ecc.?

No, il nostro rifugio è privato.

Ci sono sconti per i bambini?

No. Per i bambini proponiamo di prevedere il pernottamento con la sola prima colazione mangiando la sera à la carte.

Sono ammessi animali all'interno del rifugio?

No. Da nostra regolamentazione interna essi non possono accedere agli spazi interni del rifugio dedicati agli Ospiti, come la sala bar/ristorante e le stanze per motivi di sicurezza e igiene.

Che misure sono adottate per contrastare il virus Covid-19?

Messa a disposizione del gel disinfettante per le mani, frequente igienizzazione e areazione dei locali con particolare attenzione alle aree comuni e alle superfici toccate con maggior frequenza, distanziamento interpersonale, dissuasione agli assembramenti, applicazione delle linee guida previste in caso di soggetti con positività.

Prima di partire per un'uscita in alta montagna, cosa è bene sapere?

Scegli un percorso adatto alla preparazione tua e dei tuoi compagni e prepara bene il tuo itinerario

Nella scelta del percorso, valuta la durata, la lunghezza, il dislivello, possibili difficoltà, considerando anche le capacità fisiche e tecniche tue e degli altri escursionisti.
Dotandoti di adeguate fonti, documentati sulla zona da visitare prendendoti nota dei sentieri corretti da seguire in prossimità dei bivi e di eventuali punti di ristoro presenti, e raccogli informazioni aggiornate sulle condizioni del percorso.
Sii prudente: se sei alle prime armi non intraprendere un itinerario troppo lungo, ma inizia gradualmente.

Calcola bene le ore di luce

Scegli di partire la mattina presto per avere a disposizione più ore di luce, calcolando anche un tempo di riserva che ti permetta pause adeguate per riprendere forza.

Accertati che il tempo sia stabile

Consulta i bollettini meteo e osserva lo sviluppo del tempo.
Ricorda che in montagna i temporali si verificano solitamente di pomeriggio/sera. Per tale ragione si consiglia di effettuare le escursioni al mattino salvo che non sia previsto il passaggio di una perturbazione.

Condividi

Evita di andare da solo e lascia detto l’itinerario che intendi percorrere indicando l’orario di arrivo previsto.

Non esitare ad affidarti ad un professionista della montagna

In particolar modo se sei un principiante, sappi che puoi contare su guide alpine e accompagnatori di media montagna: loro possono venire con te ed insegnarti anche le buone pratiche dell’ambiente montano.
Inoltre, in caso di dubbi, queste figure, insieme ai rifugisti, possono darti informazioni per pianificare il tuo itinerario.

Scegli abbigliamento, equipaggiamento e attrezzatura idonei ma non solo...

Vestiti a cipolla, con strati da leggeri a più pesanti, e indossa calzature consone all'attività con suole in buono stato.
Tenendo sott’occhio il peso per non esagerare, porta nello zaino un ricambio custodito in un sacchetto di plastica, abbigliamento antipioggia e antivento, guanti e berretto, occhiali da sole e crema solare ad alta protezione, un kit di pronto soccorso, un power bank per la ricarica del telefono, strumenti per l’orientamento (carta topografica cartacea e/o digitale, altimetro e bussola), una pila frontale, acqua e cibo.
In più:

  • Se fai trekking, possono esserti utili i bastoncini.
  • Se intendi percorrere vie ferrate, ricorda il tuo kit da ferrata (casco, imbrago, cordino, moschettoni) e guanti con grip. In casi particolari, potrebbero anche servirti uno spezzone di corda con moschettoni e/o piccozza e ramponi. Non improvvisarti, impara prima a usare i materiali in dotazione.
  • Se fai arrampicata, assicurati di avere tutta l’attrezzatura necessaria per affrontare al meglio la via individuata; non dimenticare il casco. Anche in questo caso, anticipatamente comprendi le caratteristiche tecniche del tuo equipaggiamento e imparane le modalità di utilizzo.

Per ultimo, porta sempre con te l’attenzione, l’esperienza e il giusto timore che può aiutarti in caso di imprevisto.

Scarica l'applicazione “112 Where ARE U”

Questa applicazione ti permette di chiamare il 112, ovvero il numero di emergenza unico europeo, inviando automaticamente i tuoi dati di localizzazione.

Durante un'uscita in alta montagna, cosa è consigliato?

Presta la massima attenzione

Avvicinati sempre alla montagna con testa e cuore: sei in un contesto unico e di particolare bellezza che però presenta pericoli; rispetta l’ambiente tenendo un comportamento responsabile (ad esempio, non lanciare sassi, non disturbare gli animali, non accendere fuochi, non abbandonare rifiuti).

Bevi poco ma spesso e alimentati correttamente

Gli sport in genere richiedono una corretta idratazione oltre ad un'adeguata alimentazione.
È importante non aspettare lo stimolo della sete, quindi bevi regolarmente in base alla temperatura ambientale e all’intensità dell’attività. In montagna si possono bere oltre all’acqua, thè, bevande isotoniche o succhi di frutta diluiti.
Alimentazione ed efficienza fisica sono strettamente interconnesse. Il consiglio è di iniziare la tua giornata con una colazione adeguata, che non si limiti ad un semplice caffè; di mangiare un po’ di frutta fresca/secca o cioccolato fondente durante lo svolgimento dell’attività; a pranzo e a cena di avere un pasto completo senza però esagerare.

Durante il tuo trekking o la tua via ferrata, segui i segnavia e non abbandonare mai il sentiero

Segui sempre i segnali bianchi e rossi, e leggi bene i cartelli per capire la direzione, la quota e i tempi di percorrenza. Non lasciare il sentiero.

In arrampicata, ricordati di fare il partner check e un nodo all’estremità della corda, controlla l’usura di soste e ancoraggi

Il controllo reciproco tra arrampicatore e assicuratore è fondamentale. Quando fai sicura, dedica piena attenzione e comunica con il tuo compagno con istruzioni semplici e chiare.
Verifica che i punti di ancoraggio in parete siano in buono stato.

Condividi il tuo itinerario

Comunica dove sei. Avverti chi ti aspetta in caso di ritardo o di mancanza di arrivo.

Non esitare a tornare sui tuoi passi

Se affiora la stanchezza, se hai dubbi sul percorso o se il tempo volge al brutto, consulta la cartina e individua la tua posizione per rivalutare eventualmente il tuo percorso.

In caso di emergenza e necessità di soccorso, chiama il 112

Durante la telefonata è importante rimanere calmi e rispondere dettagliatamente all'intervista dell’operatore.
Le principali informazioni da fornire sono:

  • luogo esatto dell’incidente;
  • attività svolta;
  • numero di persone coinvolte;
  • numero dei feriti, condizioni sanitarie e dinamica dell'incidente;
  • condizioni meteorologiche sul luogo dell'incidente;
  • recapito telefonico da cui si chiama.

Mantieni il telefono libero qualora i soccorritori avessero la necessità di ricontattarti.

Web Marketing e Siti Internet Omnigraf - Web Marketing e Siti Internet